Ecco il prototipo moto da corsa elettrica Ducati Ripping

di Luca Fabbri 41 visite

Ducati ha condiviso oggi i dettagli del suo nuovo prototipo di bici da corsa elettrica V21L, la moto che sarà l'unica bici con specifiche nella Coppa del Mondo FIM MotoE del prossimo anno .

“La prima volta che sono salito su questa Ducati MotoE sono rimasto notevolmente colpito dalla sua bellezza, dalla sua guidabilità e dagli ottimi tempi sul giro che abbiamo fatto sin dal primo test”, ha detto il collaudatore Alex De Angelis , uno dei tanti piloti di forme diverse e le taglie che Ducati aveva in pista.

Il V21L ha un peso totale di appena 496 libbre, impressionante considerando che contiene anche una batteria da 18 kWh in un case in fibra di carbonio che funge da elemento stressato del telaio (per amor di confronto, l' auto Mitsubishi iMiEV ha solo un 16 kWh batteria). La batteria rappresenta la metà del peso a vuoto della bici, o 242,5 libbre. Il pacco batteria agli ioni di litio è sagomato per adattarsi alla forma della motocicletta, con le sue 1152 celle cilindriche del nuovo tipo 21700, leggermente più grandi delle 18650 celle cilindriche che sono state utilizzate nella maggior parte delle auto elettriche prodotte oggi.

La potenza massima della moto è elencata a 150 CV e 103 lb-ft, che secondo Ducati le consentirà di raggiungere la sua velocità massima potenziale di 171 mph su una pista come il Mugello. Quel circuito ospita i round della MotoGP dal 1976. Il rettilineo più lungo del Mugello è lungo poco più di 7/10 di miglio, il tratto in cui la Ducati dovrebbe accelerare, raggiungere i 171 mph e poi frenare per la curva successiva, il che suggerisce che sia l'accelerazione che la frenata sul V21L saranno strabilianti.

“Ogni volta che scendi in pista la moto va sempre meglio e puoi davvero esprimere tutto il tuo potenziale”, ha detto De Angelis. “Ti forniscono una mappa in base al tuo stile di guida, quindi sia per l'accelerazione che per il freno motore, possono cambiare tutte le mappe che desideri in base alla pista, al tipo di curva e al tuo stile di guida. Guidare una bici elettrica è in realtà molto diverso dal solito. In uscita dalle curve lente bisogna risalire come in MotoGP, perché l'accelerazione di una bici elettrica è ancora più forte che in MotoGP. Solo quando sono uscito dai box la prima volta con la Ducati MotoE, dando il massimo, mi sono reso conto di non aver ancora visto nulla”.

La V21L è la prima moto elettrica Ducati. Al momento è un prototipo, ma a partire dal 2023 sarà l'unica moto a competere nella Coppa del Mondo FIM MotoE. Ducati sarà l'unico fornitore, con 18 moto in griglia durante ogni weekend di gara.

Il prototipo e tutte le 18 moto sono il risultato di una collaborazione tra il team di corse Ducati e il resto del team di ingegneri Ducati, la più grande cooperativa di questo tipo mai realizzata in Ducati.

Ecco alcune altre specifiche rilasciate oggi: Il V21L viene ricaricato tramite una porta di ricarica da 20 kW nella coda. L'inverter si trova sotto il sedile sulla coda in fibra di carbonio della bici e pesa solo 11 libbre, trainato da una "macchina da corsa elettrica" ??senza nome (Formula E?). Il motore è stato sviluppato da un fornitore secondo le specifiche Ducati: pesa 46 libbre e può girare fino a 18.000 giri / min. L'intero sistema funziona a 800 volt per le massime prestazioni e autonomia, ha affermato Ducati. La custodia della batteria in fibra di carbonio è imbullonata a un telaio anteriore in alluminio mentre la fibra di carbonio viene utilizzata per la metà posteriore della bici. Il forcellone posteriore in alluminio è simile a quello che si trova sull'attuale MotoGP, ha detto Ducati. C'è un sistema di raffreddamento a liquido per il pacco batteria e un altro per il motore e l'inverter.

Non è tutto solo per le corse, anche se il prototipo su cui stanno lavorando ora è solo per pista. La Ducati guarda comunque a un futuro elettrico.

“Per Ducati avere l'opportunità di essere fornitore della MotoE World Cup non è solo un'entusiasmante avventura tecnologica, ma è anche il nostro modo di interpretare le sfide del nuovo millennio”, ha affermato Vincenzo De Silvio, Direttore R&D Ducati. "L'aumento delle competenze interne è essenziale per essere pronti quando la tecnologia delle batterie e la disponibilità della rete di ricarica saranno sufficienti per mettere in produzione il primo veicolo".

E come sarà quel futuro elettrico? Il prototipo da corsa dà un suggerimento.

“Ammetto di essere stato entusiasta quando ho guidato per la prima volta la nostra MotoE”, ha detto il collaudatore Michele Pirro. “Quelli sono stati i primi giri per la moto elettrica targata Ducati e onestamente ammetto di avere le mie perplessità, ma dopo pochi metri ho dovuto ricredermi, perché era una moto da corsa. Il feeling con l'acceleratore era abbastanza simile a quello della MotoGP. Mentre percorrevo le prime tre curve, ho iniziato a sorridere sotto il casco e ho pensato: "Se questo è solo l'inizio, sicuramente in futuro avremo delle ottime bici elettriche".