Tour de France 2022: chi guida cosa

di Luca Fabbri 37 visite

Il Tour de France è la gara più prestigiosa del calendario professionistico e le squadre avranno preparato i loro migliori corridori per essere al culmine della loro forma fisica per il gran départ della gara . Guideranno anche le migliori bici dei loro sponsor di bici, di solito con aggiornamenti delle specifiche in cima, che fanno salire il prezzo di una bici da Tour a ben oltre £ 10.000 / $ 12.000.

Continua la tendenza all'integrazione totale di cavi e tubi flessibili, con barre, attacchi e reggisella proprietari su molte bici. Tutto ciò che può essere ragionevolmente realizzato in fibra di carbonio sarà, dalle ruote fino a parti dei deragliatori.

L'aerodinamica gioca un ruolo vitale nelle corse moderne, quindi le moderne bici da corsa hanno profili dei tubi aerodinamici al posto dei tubi tondi che si trovano sulle bici più vecchie. Alcune bici saranno veri e propri modelli aerodinamici, ma gli ultimi anni hanno visto l'ascesa della bici da corsa singola, che è sia sufficientemente leggera per le salite sia che inganna il vento anche in pianura, come la nuova Specialized Asfalto SL7 .

Ogni ciclista al Tour de France sarà su una bici equipaggiata con un gruppo con le migliori specifiche con la maggior parte ora con 12 pignoni e cambio elettronico. Sebbene questo non dia loro necessariamente una gamma di rapporti più ampia, crea salti più piccoli tra gli ingranaggi e consente più spesso quella cadenza perfetta. Shimano Dura-Ace domina la scelta del gruppo, ma ci sono anche due squadre equipaggiate con SRAM Red eTap AXS e tre squadre su Campagnolo Super Record EPS.

Tra questi ultimi il team UAE Emirates di Tadej Pogacar , vincitore delle ultime due edizioni del Tour, che sarà nuovamente in sella a una bici Colnago. Sebbene Colnago possa essere uno dei marchi di biciclette più leggendari del pianeta, non sono in produzione sulla stessa scala dei giganti di Specialized, Trek e Giant, ma ciò non impedisce loro, e anche altri produttori, di fornire due o tre bici da strada e un numero simile di bici da cronometro a ciascun pilota, le rispettive squadre di otto uomini.

Il Tour de France funge da vetrina per la migliore tecnologia ciclistica e c'è sempre una raffica di lanci di nuove biciclette e componenti prima del Tour. Ecco la nostra selezione delle novità e delle tendenze della gara di quest'anno.

Lancio di nuove biciclette

Gli ultimi due anni sono stati un po' scarsi per il lancio di biciclette, ma quest'anno abbiamo visto un raccolto molto più ampio di nuove biciclette in vista del Tour de France.

Le bici di grande nome che stanno subendo un restyling includono la Trek Madone , con la sua radicale riprogettazione del tubo sella, che abbiamo visto al Critérium du Dauphiné. Il design è anche, secondo Trek, 300 g più leggero e anche più veloce del suo predecessore. Al Dauphiné sono stati avvistati anche un nuovo Canyon Ultimate e KTM Revelator.

La nuova Canyon Ultimate CFR è dotata di una maggiore integrazione nell'abitacolo, di un nuovo design del tubo sella e di un reggisella a forma di D. Con tre squadre al Tour di quest'anno in sella a bici Canyon, è un aggiornamento importante, anche se sottile, a una bici popolare.

Il nuovo Revelator Alto di KTM sarà guidato dal team B&B Hotels-KTM. Presenta una forma del telaio ridisegnata, barra/attacco manubrio in un unico pezzo, maggiore integrazione e profilo aerodinamico, che lo rendono più in linea con la moderna tendenza leggera/aerodinamica rispetto al suo predecessore.

Un'altra moto importante da sfondare, anche perché è nella faretra della squadra degli Emirati Arabi Uniti Team Emirates del favorito per la vittoria assoluta Tadej Pogacar , è la nuova Colnago Prototipo . La bici cerca di aggiornare l'aerodinamica degli attuali V3R del team e bilanciare rigidità e peso. Esistono cinque diversi prototipi di telai Prototipo con diversi layup di carbonio, con test di gara pianificati per decidere quale entrerà in produzione.

Ancora un'altra bici completamente nuova è la nuova Scott Foil . Il suo predecessore aveva un palmares impressionante e questa nuova bici sembra basarsi su quello con un design che secondo Scott è più aerodinamico, più leggero e più confortevole. C'è stato molto lavoro nella parte posteriore per produrre un design che Scott ha trovato più aerodinamicamente efficiente quando testato con un pilota in una galleria del vento, mentre il reggisella include una sezione posteriore che assorbe le vibrazioni.

C'è anche quella che sembra una nuova Giant Propel che abbiamo individuato sulla pagina Instagram del professionista in pensione Tony Martin. Sembra seguire la strada dell'aerodinamica leggera, con profili dei tubi più sottili e reggisella ridisegnato. L'abitacolo rimane integrato ma è meno proprietario rispetto all'attuale Propel.

Infine (per ora), anche se sarà la prima a vedere l'azione, è l'ultima iterazione della bici da cronometro Pinarello Bolide . Si è già visto l'azione sotto Geraint Thomas, che ha portato la nuova moto al secondo posto nella cronometro della tappa finale del Tour de Suisse. Ora è stato ufficialmente annunciato e sarà conosciuto come Pinarello Bolide F. Una riprogettazione totale vede il passaggio ai freni a disco e ai profili dei tubi che imitano la bici da strada Dogma F. È uno dei favoriti per lo specialista del TT di Ineos Grenadiers Filippo Ganna salire sulla prima maglia gialla del Tour a Copenaghen.

Guadagni molto marginali

Le prove a cronometro sono la punta di diamante della tecnologia delle bici, grazie alle loro velocità più elevate rispetto alle tappe su strada e all'assenza di compagni di squadra per proteggere i corridori della classifica generale dal vento. Tra le modifiche più veloci per le prove a tempo, i sistemi OSPW sono decollati in grande stile come mezzo per i professionisti per risparmiare qualche watt. CeramicSpeed, che li ha sperimentati, ha montato i suoi OSPW sulle bici da TT e da strada di diversi team al Tour di quest'anno. La combinazione di ruote fantino più grandi che girano più lentamente su cuscinetti migliori e l'angolo di articolazione inferiore tra le maglie della catena sono i principali portatori di questi vantaggi.

Ma ora CeramicSpeed ??è andato meglio, aggiungendo l'aerodinamica ai suoi guadagni marginali, con l'ultimo sistema OSPW Aero . Con un profilo liscio e un design che protegge il ruotino inferiore, CeramicSpeed ??afferma che il suo design farà risparmiare al pilota 2,5 secondi su una cronometro di 25 km a 50 km/h. Non sembra molto, ma aspettati di vedere il sistema OSPW Aero in evidenza sia nelle due prove a cronometro del Tour che nelle tappe su strada.

La tecnologia delle ruote tubeless decolla

I pneumatici Tubeless per copertoncino sono finalmente entrati nella corrente principale delle bici pro per il Tour, dopo anni all'ombra dei tubolari. Il Bahrain Victorious, ad esempio, è ora passato completamente alle gomme tubeless, i suoi piloti sono stati convinti della loro efficacia dalla vittoria di Sonny Colbrelli nell'ottobre 2021 alla Parigi-Roubaix .

Entrambi i team sponsorizzati da Specialized, Bora-Hansgrohe e QuickStep Alpha Vinyl, utilizzano ora l'ultima versione tubeless delle ruote Roval Rapide, che nella loro generazione precedente erano classificate per l'uso solo con camere d'aria - una storia interessante che puoi leggere nel nostro recensione del set di ruote Roval Rapide CLX II .

È difficile dire quante squadre siano passate totalmente al tubeless senza un'occhiata molto da vicino alle loro gomme o una chiacchierata con i loro meccanici. Le vasche sono state sempre citate per il minor peso dei cerchioni e la loro migliore capacità di correre in piano. Le ruote tubeless con freno a disco ora si stanno avvicinando alla parità di peso con le vecchie vasche, e quindi la tecnologia tubeless sembra conquistare i professionisti notoriamente conservatori. È probabile che anche i loro meccanici siano contenti del cambiamento, non dovendo incollare pneumatici senza fine sui cerchi prima di ogni gara.