Geraint Thomas "facile" per il ruolo di leader al Tour de France

di Luca Fabbri 86 visite

Adam Yates e Daniel Martínez erano gli uomini che ci si aspettava guidassero la sfida degli Ineos Grenadiers al Tour de Suisse, ma è stato invece Geraint Thomas a conquistare la terza vittoria assoluta consecutiva della squadra.

Per tutta la stagione, Thomas ha evitato accuratamente le domande sulla gerarchia di Ineos, dichiarando che il suo semplice obiettivo era arrivare al Tour de France nella migliore condizione possibile. La vittoria al Tour de Suisse suggerisce che il gallese è in grado di mantenere la sua parte dell'accordo, anche se domenica sera ha mantenuto la sua posizione precedente sulla struttura di leadership a luglio.

"Sono tranquillo. Voglio solo andare lì, correre forte e fare quello che posso", ha detto Thomas. "Abbiamo altri due leader in squadra. Se resterò in classifica generale per un po' di tempo per giocarmi un'altra carta, se andrò a caccia di tappe o se aiuterò altri ragazzi, sarò felice di fare qualsiasi cosa. Di sicuro coglierò la mia occasione, se si presenterà. E aiuterò i ragazzi se sarà necessario".

Il posto di Thomas nei piani di Ineos per il Tour de Suisse è cambiato nel corso della settimana. È passato davanti a Martínez nell'ordine di classifica dopo che il colombiano ha perso terreno nell'affannosa tappa d'apertura, mentre il ritiro di Yates dopo essere risultato positivo al COVID-19 ha reso Thomas il leader assoluto.

Yates spera di tornare in azione in tempo per il Tour, mentre le ottime prove di Martínez nell'ultima parte della corsa hanno fatto pensare che sarà un fattore a luglio. Thomas ha riconosciuto che la Ineos non ha un individuo all'altezza di Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) o Primo┼ż Roglic (Jumbo-Visma), ma ha sostenuto che la loro forza collettiva avrebbe permesso loro di sfidare la coppia slovena.

"Penso che come squadra possiamo sicuramente farcela", ha detto Thomas. "Uomo contro uomo è sicuramente una storia diversa. Loro hanno un grande talento e, come tutti sappiamo, sono stati gli MVP degli ultimi due anni. Ma credo che la nostra sia una squadra forte. Si tratta solo di rimanere in salute, cosa più facile a dirsi che a farsi di questi tempi. Ma abbiamo una squadra forte, siamo tutti motivati e andremo lì a dare il massimo".

Thomas ha soddisfatto un desiderio di sette anni vincendo questo Tour de Suisse, dopo aver perso all'ultimo giorno contro Simon Spilak nel 2015. Domenica ha iniziato la cronometro finale con due secondi di ritardo da Sergio Higuita (Bora-Hansgrohe) e il secondo posto nella tappa dietro a Remco Evenepoel (QuickStep-AlphaVinyl) lo ha portato in maglia gialla.

"Ad essere sincero, sono un po' deluso di non aver vinto la tappa", ha detto Thomas, che si è trovato a soli tre secondi da Evenepoel. "Non mi sono reso conto di quanto fosse vicina e non ho fatto i controlli orari. Sarebbe stato bello poterlo fare. Ma non posso essere troppo avido. È bello vincere la classifica generale".

Salto pubblicitario

Thomas ha corso la tappa di domenica su una nuova bici da cronometro Pinarello con una verniciatura di grande effetto. "È ovviamente una nuova bici e stanno cercando di tenerla nascosta fino al Tour... quindi stanno cercando di farla risaltare il più possibile a quanto pare", ha detto Thomas senza peli sulla lingua.

Saltare la pubblicità

Nel 2018, la vittoria assoluta di Thomas al Critérium du Dauphiné ha prefigurato il suo eventuale trionfo al Tour de France. Domenica, il 36enne ha sminuito l'idea di essere nella stessa forma.

Salta l'annuncio

"Non lo so, ma è bello vincere", ha detto Thomas. "Dal Tour dell'anno scorso alla fine della stagione è stata davvero dura, probabilmente il periodo più difficile della mia carriera. All'inizio di quest'anno ero un po' in difficoltà, ma mi sono goduto le corse e lo stare con i ragazzi più giovani della squadra e la loro crescita. È molto bello essere di nuovo in testa alla classifica".